Mediazione civile: nuovo rinvio alla Consulta da parte del Giudice di Pace di Catanzaro.

Rss feed Invia ad un amico
Avv. Annamaria Delli Noci

Ordinanza del 1 settembre 2011, Giudice di Pace di Catanzaro.

A cura del Mediatore Avv. Annamaria Delli Noci da Lecce.
Letto 3233 dal 22/09/2011

Commento:
Con l’ordinanza del 1 settembre 2011, nuovo rinvio alla Consulta da parte del giudice di Pace di Catanzaro. Questa volta, l’ordinanza di rinvio trae origine da una lite tra due legali per la mancata restituzione di due libri concessi in comodato. Il comodante eccepiva in via preliminare l’improcedibilità della domanda per il mancato esperimento del tentativo di conciliazione e successivamente, preso atto dell’impossibilità a trovare un accordo, la parte attrice sollevava questione di legittimità costituzionale.

Testo integrale:

Con l’ordinanza del 1 settembre 2011, nuovo  rinvio alla Consulta da parte del giudice di Pace di Catanzaro. 

Questa volta, l’ordinanza di rinvio trae origine da una lite tra due legali per la mancata restituzione di due libri concessi in comodato. Il comodante eccepiva in via preliminare l’improcedibilità della domanda per il mancato esperimento del tentativo di conciliazione e successivamente, preso atto dell’impossibilità a trovare un accordo, la parte attrice sollevava questione di legittimità costituzionale.

 

Secondo il Giudice di Pace di Catanzaro che ha rimesso le censure alla Corte Costituzionale, sono tre le questioni che non appaiono manifestamente infondate:

 

1) Violazione dell’articolo 24 della Costituzione, in quanto, se il tentativo obbligatorio ha un costo “non meramente simbolico” allora “nella sostanza il sistema subordina l’esercizio della funzione giurisdizionale al pagamento di una somma di denaro”.

 

2) Violazione degli articoli 76 e 77 della Costituzione per contrasto tra la legge delega e il decreto legislativo 28/10”, relativamente alle norme che hanno introdotto il procedimento obbligatorio di mediazione civile.

 

Infatti, nella delega vi sarebbe la previsione dell’obbligo di attenersi al principio per cui la mediazione non debba “precludere l’accesso alla giustizia”, mentre l’averla resa una condizione di procedibilità dell’azione giurisdizionale, si rivelerebbe una preclusione di fatto.

 

3) Violazione dell’articolo 3 della Costituzione, e quindi del principio di uguaglianza,  in quanto il sistema “consentendo solo alla parte convenuta di non aderire al procedimento”, ipotesi non consentita alla parte attrice, graverebbe soltanto quest’ultima dell’obbligo di esercitare il procedimento di mediazione per poter far valere il suo diritto.

 

Sarà molto interessante valutare la legittimità costituzionale delle norme citate alla luce del nuovo D.I. n. 145/2011 e alla modifica introdotta dalla legge  14 settembre 2011, n. 148, che ha stabilito a carico della parte che non partecipa senza giustificato motivo (su condanna del giudice), il versamento all’entrata del bilancio dello Stato di una somma di importo corrispondente al contributo unificato dovuto per giudizio (art. 8 d.lgs. 28/2010).

 

Il testo integrale è leggibile cliccando al seguente link

Fonte: http://www.guidelegali.it/Images/Modulistica/mediazione.pdf

aa aa
Chi è l'autore
Avv. Annamaria Delli Noci Mediatore Avv. Annamaria Delli Noci
Avvocato iscritta all'albo degli avvocati di Lecce sin dal 1996 ove esercita con continuità la professione forense.
Da sempre ha una spiccata propensione alla conciliazione e al componimento bonario delle vicende giudiziarie, anche mediante il ricoso, ove possibile all'istituto dell'arbitrato.

E' mediatore civile e commerciale dal 2011 e si occupa di diritto civile, contrattualistica, diritti reali, successioni: Esperta di diritto dei marchi di impresa: solo nel 2010 ha curato circa 80 regi...
continua





Per noi la tutela della privacy è una cosa seria: I dati immessi non vengono usati per scopi pubblicitari, in ottemperanza al D.lgs.196/2003

I campi contrassegnato con (*) sono obbligatori

Invia