Giustizia civile in Italia più lenta negli anni della pandemia: a rischio il PNRR

Rss feed

La lentezza della giustizia civile costituisce uno dei problemi strutturali italiani.

Letto 232 dal 23/04/2022



giustizia-civile-in-italia-piu-lenta-negli-anni-della-pandemia-a-rischio-il-pnrr-1085-88.jpg L’ultimo rapporto della Commissione per l'efficacia della giustizia del Consiglio d’Europa (CEPEJ) basato sui dati del 2018 dimostra che l’Italia sia tra i peggiori paesi europei per quanto riguarda i tempi delle controversie civili.
Lo studio dell’Osservatorio sui Conti Pubblici Italiani pubblicato l’11.03.2022 analizza come la pandemia ha intaccato le performance dei tribunali italiani, vanificando i progressi registrati nel periodo 2014-2019.
L’indice disposition time - creato dal CEPEJ per valutare in maniera comparata la rapidità dei sistemi giudiziari nell’Unione Europea  e stimare la durata dei processi, si calcola usando il rapporto tra i procedimenti pendenti e quelli definiti alla fine anno e si moltiplica per 365 (i giorni di un anno). Nel 2019 il disposition time medio in Italia era di 588 giorni per i tribunali e di 654 giorni per le Corti d’Appello: per definire un procedimento servivano dunque in media circa 19 mesi in primo grado e 21 in secondo. L’impatto della pandemia dovuta al virus COVID 19 non ha permesso la riduzione dello stock di arretrato pendente. Lo studio espone che nel 2020 il disposition time è aumentato in 131 tribunali (su 140) e in 27 Corti d’Appello (su 29).
Il peggioramento più evidente nel 2020 si è verificato nella Corte d’Appello di Roma, che impiega quasi 4 anni per definire le cause.
Per rispettare gli obiettivi imposti dal PNRR, che prevedono una riduzione complessiva del disposition time del 40 per cento, si impone una decisa inversione di tendenza. Ad oggi, infatti, nessun tribunale di primo o secondo grado rispetta i target calcolati dal Ministero di Giustizia sulla base degli accordi previsti dal PNRR.
La lentezza dei processi e la diffusa inefficienza della giustizia scoraggia – secondo il Fondo Monetario Internazionale – gli investimenti in Italia.


https://osservatoriocpi.unicatt.it/ocpi-pubblicazioni-i-tempi-della-giustizia-civile-in-italia-gli-anni-della-pandemia-e-il-pnrr