Relazione Finale della Commissione per l'elaborazione di " Proposte di interventi in materia di processo civile e di strumenti alternativi"

Rss feed Invia ad un amico
Dott. Salvatore Favarolo

Significative proposte per incentivare il ricorso alla Mediazione contenute nella Relazione Finale della Commissione voluta dal Ministro della Giustizia e presieduta dal Prof. Francesco Paolo Luiso.

A cura del Mediatore Dott. Salvatore Favarolo da Cagliari.
Letto 221 dal 10/06/2021

La Relazione Finale della Commissione anzidetta, recentemente pubblicata, contiene innovativi elementi in tema di mediazione finalizzati sia ad incentivarne l'utilizzazione sia a favorire il raggiungimento dell'accordo.
Gli aspetti più significativi proposti sono i seguenti:

  • incentivi fiscali ed economici, con l'aumento da 50.000 a 100.000 euro del limite del valore entro il quale l'accordo in mediazione può beneficiare dell'esenzione dell'imposta di registro;
  • procedura di riconoscimento del credito d'imposta prevista dall'art. 20 del D.Lgs 28/2010 che deve essere semplificata ed estesa alle spese di assistenza dell'Avvocato in mediazione e alle stesse spese di mediazione;
  • il rimborso parziale o totale del contributo unificato già corrisposto dalle parti, a seguito di una mediazione conclusa con successo relativa alla causa in corso;
  • riconoscimento del patrocinio a spese dello Stato per le spese di assistenza legale nella procedura di mediazione per gli aventi diritto;
  • rimborso, anche sotto forma di credito d'imposta, agli Organismi di Mediazione per le prestazioni svolte a favore dei soggetti che beneficiano del gratuito patrocinio;
  • un'indennità calmierata sulla base del valore della lite per lo lo svolgimento del primo incontro effettivo che possa essere totalmente deducibile come credito d'imposta e, quindi, gratuito per le parti, al fine di produrre un doppio vantaggio:-  il primo incontro con il mediatore si svolge effettivamente a fronte di un'indennità calmierata e totalmente deducibile dalle parti come credito d'imposta; - a seguito del primo incontro, le parti possono decidere se proseguire volontariamente con ulteriori incontri di mediazione.
Diversi sono, quindi, i suggerimenti della Commissione all'Autorità di Governo volti sia ad incentivare l'utilizzazione della mediazione, sia a favorire il raggiungimento dell'accordo. Nella prima direzione vanno gli incentivi fiscali ed economici, l'estensione ragionata delle fattispecie di mediazione obbligatoria ed il potenziamento della mediazione demandata dal giudice. Nella seconda direzione la semplificazìone della procedura di mediazione e le previsioni volte a favorire la partecipazione ad essa della Pubblica Amministrazione.
La relazione di che trattassi, tra l'altro, propone un potenziamento della mediazione demandata dal giudice che, in base alle statistiche,  finora è stata dello 0,9%.
Gli esiti della sperimentazione condotta in alcuni Tribunali del territorio nazionale, che prevedeva l'affiancamento dei giudici da parte di laureati esperti nella valutazione di mediabilità delle cause, dimostra che la mediazione demandata dal Giudice ha prodotto un significativo effetto deflattivo del processo e un conseguente notevole risparmio sia dal lato dell'offerta che da quello della domanda di giustizia, atteso che numerosi processi sono stati interrotti o non sono stati avviati in ragione dell'acquisizione crescente di competenze negoziali da parte degli avvocati e dei consociati.
 

aa
Chi è l'autore
Dott. Salvatore Favarolo Mediatore Dott. Salvatore Favarolo
Generale di Divisione dei Carabinieri nella riserva. Lauree in Giurisprudenza e Scienze della Sicurezza Interna ed Esterna. Avvocato non iscritto all’Albo. Durante i 45 anni di servizio nell’Arma dei Carabinieri, trascorsi prevalentemente reggendo Comandi operativi in aree sensibili del territorio nazionale, ho dovuto svolgere svariate mediazioni afferenti all’ordine e alla sicurezza pubblica, risolvendo molti casi complessi a vantaggio della collettività: E’ stato questo uno dei motivi che mi ...
continua





Per noi la tutela della privacy è una cosa seria: I dati immessi non vengono usati per scopi pubblicitari, in ottemperanza al D.lgs.196/2003

I campi contrassegnato con (*) sono obbligatori

Invia