Criteri per l'applicazione della sanzione pecuniaria ex. art 96 c.p.c.

Rss feed Invia ad un amico
Dott. Giuseppe Marsoner

Tribunale di Roma, sentenza del 19-12-2019

A cura del Mediatore Dott. Giuseppe Marsoner da Roma.
Letto 659 dal 15/04/2020

Commento:
L’ingiustificata partecipazione al procedimento di mediazione espone la parte all’applicazione della sanzione pecuniaria prevista dall’art 96 co III c.p.c.
L’ammontare della somma deve essere rapportato:
-  allo stato soggettivo del responsabile;
-  alla qualifica ed alle caratteristiche del responsabile in quanto la sanzione deve costituire un efficace deterrente e deve essere significativa ed avvertibile;
-  ad ogni altra peculiare e specifica caratteristica della fattispecie oggetto di causa.

Per la concreta determinazione della somma, inoltre, ben possono prendersi come parametro di riferimento le spese legali liquidate. 

Testo integrale:

Allegati:

aa
Chi è l'autore
Dott. Giuseppe Marsoner Mediatore Dott. Giuseppe Marsoner
Mi occupo attivamente di mediazione dal 2010, ma ancor prima di negoziazione. Svolgo quest’ultima attività principalmente nell’area business a sostegno e supporto delle aziende nei processi di sviluppo delle attività.
Sono un dottore commercialista, nonché un revisore legale e all’interno delle aziende ho avuto modo di intercettare la complessità delle attività negoziali e sviluppare quelle competenze che mi consentono oggi di operare in tutte quelle realtà che necessitano di un supporto negoz...
continua





Per noi la tutela della privacy è una cosa seria: I dati immessi non vengono usati per scopi pubblicitari, in ottemperanza al D.lgs.196/2003

I campi contrassegnato con (*) sono obbligatori

Invia