Il verbale di mediazione, al pari delle sentenze, se contiene una condanna generica, non può costituire un valido titolo esecutivo da poter far valere in sede di esecuzione forzata.

Rss feed Invia ad un amico
Avv. Alessandra  Zanussi

Tribunale di Ivrea, 6.07.2022, giudice Meri Papalia

A cura del Mediatore Avv. Alessandra Zanussi da Bologna.
Letto 183 dal 08/12/2022

Commento:
In una controversia che vedeva contrapposti due ex coniugi, con atto di citazione X (marito) proponeva opposizione avverso l'atto di precetto per l'esecuzione degli obblighi di fare, ex art. 612 c.p.c., notificato da Y (moglie), rilevando la carenza di interesse ad agire in quanto la controparte aveva definitivamente abbandonato l'immobile dal dicembre del 2019 e che le motivazioni non erano volte ad ottenere alcun risultato utile, bensì a vendicarsi per l'azione giudiziaria intrapresa dall'attore e volta ad ottenere la revoca dell'assegno di mantenimento e dell'assegnazione della casa famigliare. L’opponente rilevava che tutti i lavori di cui al titolo esecutivo erano già stati eseguiti da parte dello stesso.
Con comparsa di costituzione si costituiva in giudizio Y rilevando che la stessa si era allontanata solo temporaneamente dall'abitazione in quanto inabitabile ed inagibile ma che permaneva il proprio diritto di abitazione ai fini dell'interesse ad agire. Rilevava, inoltre, che i lavori di cui al verbale di mediazione non erano mai stati effettuati da parte dell'attore.
La signora è titolare di un diritto di abitazione nell'immobile di che trattasi in forza della sentenza di divorzio emessa dallo stesso Tribunale di Ivrea.
La convenuta aveva effettivamente lasciato l'abitazione ma a fronte del mancato adempimento dell'attore agli obblighi di manutenzione straordinaria sanciti nel verbale di mediazione.
Nel merito, il creditore che agisca per l'adempimento di un obbligazione contrattuale deve provare il titolo sulla base del quale agisce ed allegare l’inadempimento della controparte mentre spetta al debitore la prova dell'esatto adempimento del contratto ovvero di fatti estintivi o modificativi (Cassazione civile, sez. III, 16/11/2020, n. 25872; Cassazione civile, sez. II, 02/09/2020, n. 18200; Cassazione civile, sez. III, 18/02/2020, n. 3996; Cassazione civile, sez. VI, 30/01/2020, n. 2276; Cassazione civile, sez. II, 18/11/2019, n. 29871).
Tale principio, rapportato al caso di specie, impone a parte convenuta il mero onere di rammostrare la sussistenza del verbale di mediazione in forza del quale agisce mentre l'attore è onerato della prova dei fatti estintivi dedotti ovvero dell'esatto adempimento delle obbligazioni sorte dal verbale conciliativo.
Il giudice dà atto che l'obbligazione di realizzare determinati lavori di ordinaria manutenzione di cui al predetto verbale di conciliazione è rimasta inadempiuta e che dovrà essere eseguita secundum legis artis. Invece, quanto ai lavori di straordinaria manutenzione, sussiste un primario difetto di specificità dell'atto di precetto e ancor prima del verbale di mediazione che prevede, al punto 4, generici di lavori futuri di manutenzione attinenti all'immobile di che trattasi.

Il diritto di procedere all'esecuzione forzata in danno del debitore sussiste solo in quanto la volontà dispositiva contenuta nel provvedimento azionato possieda i requisiti minimali della concretezza, determinatezza ed univocità riferiti alla prestazione oggetto della pronuncia stessa e non richieda al giudice dell'esecuzione alcuna ulteriore valutazione soggettiva della parte esecutante. °
 

Testo integrale:

Allegati:

aa
Chi è l'autore
Avv. Alessandra  Zanussi Mediatore Avv. Alessandra Zanussi
Bolzanina di nascita, madrelingua tedesca, bolognese d’adozione, esercito la professione di avvocato da oltre 20 anni a Bologna.
Mi occupo di diritto civile, dedicandomi principalmente all’attività di consulenza ed assistenza legale, sia in ambito stragiudiziale che giudiziale, in materia di obbligazioni e contratti, diritti reali, diritto del lavoro, successioni e divisioni, diritto di famiglia, responsabilità civile, locazioni recupero crediti, e marginalmente anche di procedure con...
continua





Per noi la tutela della privacy è una cosa seria: I dati immessi non vengono usati per scopi pubblicitari, in ottemperanza al D.lgs.196/2003

I campi contrassegnato con (*) sono obbligatori

Invia









ok