In materia di responsabilità sanitaria la condizione di procedibilità è assolta alternativamente con l’accertamento tecnico preventivo o la mediazione ex dlg. 28/2010

Rss feed Invia ad un amico
Avv. Davide Bozzoli

Tribunale di Milano, 19.01.2023, sentenza n. 97, giudice Nicola Di Leo

A cura del Mediatore Avv. Davide Bozzoli da Bologna.
Letto 686 dal 17/02/2023

Commento:
Il ricorso al Tribunale di Milano, quale giudice del Lavoro, X  aveva ad oggetto la somministrazione di un determinato farmaco a carico del SSN.
La parte convenuta rilevava l'incompetenza funzionale del Giudice del Lavoro e, con riguardo alla domanda risarcitoria, rilevava l’improcedibilità, in quanto l'azione civile di risarcimento
dei danni da responsabilità sanitaria sarebbe dovuta essere preceduta, a pena di improcedibilità, dal ricorso per consulenza tecnica preventiva di cui all'art. 696 bis c.p.c. o, in alternativa, dal procedimento di mediazione ai sensi del D.lgs. n. 28/2010 (art. 5, comma 1-bis)
.
Il giudice richiama l'art. 8 della legge n. 24/2017, ossia del ricorso per consulenza tecnica preventiva di cui all'art. 696 bis c.p.c. che prevede che chi intende esercitare un'azione innanzi al giudice civile relativa a una controversia di risarcimento del danno derivante da responsabilità sanitaria è tenuto preliminarmente a proporre ricorso ai sensi dell' articolo 696-bis del codice di procedura civile dinanzi al giudice competente. La presentazione del suddetto ricorso di cui al comma 1 costituisce condizione di procedibilità della domanda di risarcimento ma in alternativa si può esperire il procedimento di mediazione ai sensi dell’art. 5bis del Dlgs 28/2010. L’improcedibilità deve essere eccepita da convenuto o rilevata dal giudice non oltre la prima udienza.  Nel caso di specie il ricorso ex art. 696 bis era stato esperito (e il consulente aveva ravvisato che "non sussistevano le condizioni cliniche per l' interruzione della somministrazione del farmaco xxx”) pertanto il giudice reputa già adempiuta la condizione di procedibilità stabilita dall' art. 8 della legge n. 24/2017. Non risulta più necessaria la mediazione ai sensi del D.lgs. n. 28/2010 (art. 5, comma 1-bis )°.
 

Testo integrale:

aa
Chi è l'autore
Avv. Davide Bozzoli Mediatore Avv. Davide Bozzoli
Sono un avvocato e mi occupo di mediazione sin dal 2010. Nel corso della mia esperienza ho avuto modo di affrontare questioni in materia di diritti reali, condominio, locazione, divisione ereditaria, diritto bancario e responsabilità civile. Se mi chiedete perché lo faccio? … difficile dirlo in poche parole ma sicuramente per passione in un istituto che offre a tutti la possibilità di risolvere i problemi prima che questi arrivino al cospetto di un Giudice. Quando si parla di mediazione, mi piac...
continua





Per noi la tutela della privacy è una cosa seria: I dati immessi non vengono usati per scopi pubblicitari, in ottemperanza al D.lgs.196/2003

I campi contrassegnato con (*) sono obbligatori

Invia









ok