In una causa di impugnazione di una delibera condominiale, i condomini attori, assenti e non correttamente rappresentati in mediazione, vengono condannati al pagamento delle spese legali del condominio risultato soccombente.

Rss feed Invia ad un amico
Avv. Simone Tiraoro

Tribunale di Napoli, 13/10/2023, Sentenza n.9338, Giudice Roberta Di Clemente

A cura del Mediatore Avv. Simone Tiraoro da Genova.
Letto 146 dal 09/01/2024

Commento:

In un giudizio promosso da alcuni condomini per impugnare una delibera assembleare, intervenivano volontariamente -ex art. 105 c.p.c.- altri condomini, aderendo alla difesa degli attori e facendo proprie le domande dagli stessi formulate:
 
  • in via principale, accertare e dichiarare la nullità e/o annullabilità della delibera assembleare relativa alla modifica delle tabelle millesimali;
  • in via subordinata, rideterminare le tabelle millesimali attraverso la nomina di un CTU.
 
Il Condominio si costituiva, contestando le domande attoree ed eccependo preliminarmente l’improcedibilità dell’azione per mancato espletamento della mediazione obbligatoria ex art. 5, D.Lgs. n. 28/2010.
 
Il Giudice alla prima udienza invitava le parti ad avviare il procedimento di mediazione.
 
Fallito il tentativo conciliatorio, parte attrice depositava il verbale negativo di mediazione, ma il convenuto sollecitava nuovamente l’organo giudicante affinché pronunciasse l’improcedibilità della domanda.
 
Il Condominio chiariva meglio l’eccezione, specificando come all’incontro di mediazione avesse partecipato personalmente solo uno degli attori, mentre tutti gli altri (attori e interventori) fossero stati rappresentati dal loro procuratore avvocato.
 
Acquisito il fascicolo della procedura di mediazione, il Giudice di Napoli accertava che in effetti non vi era alcuna procura allegata e, in sentenza, statuiva l’improcedibilità della domanda nei confronti degli attori e intervenuti assenti al primo incontro di mediazione conclusosi negativamente.
Dichiarava quindi procedibile la domanda solo nei confronti dell’unica parte attrice che aveva presenziato alla mediazione, richiamando la nota pronuncia n. 8473/2019 della Corte di Cassazione e citando inoltre la sentenza n. 3227/2020 della Corte d’Appello di Napoli che prevedeva la necessità della procura speciale notarile per formalizzare la rappresentanza di un terzo in luogo della parte assente in mediazione.
 
In sentenza, la Dott.ssa di Clemente accoglieva la domanda dell’unica parte attrice presente in mediazione e condannava di conseguenza il Condominio soccombente a pagare alla stessa le spese del giudizio.
Condannava inoltre tuttavia le parti attrici assenti alla mediazione a rifondere al Condominio convenuto soccombente le spese di causa.
 
Se da un lato quindi la delibera assembleare veniva revocata, gli attori assenti al primo incontro di mediazione sopportavano nella sostanza interamente le spese del giudizio. ^

Testo integrale:

Allegati:

aa
Chi è l'autore
Avv. Simone Tiraoro Mediatore Avv. Simone Tiraoro
Laureato in giurisprudenza con lode presso l'Università degli Studi di Genova, esercito la professione di avvocato nel campo del diritto civile dal 2003 con passione e dedizione, ispirandomi continuamente ai principi e valori di correttezza, rispetto, educazione e riservatezza. Le recenti esperienze ricoperte in un organo elettivo amministrativo e di governace in società a partecipazione pubblica hanno accresciuto in modo significativo il mio bagaglio personale e professionale nonché il modo di ...
continua





Per noi la tutela della privacy è una cosa seria: I dati immessi non vengono usati per scopi pubblicitari, in ottemperanza al D.lgs.196/2003

I campi contrassegnato con (*) sono obbligatori

Invia