L’agevolazione fiscale prevista dall'articolo 17, comma 2, del Dlgs n. 28/2010 sull’imposta di registro è applicabile esclusivamente all’atto originario con cui è stato raggiunto l’accordo tra le parti e non può essere estesa ad atti successivi

Rss feed Invia ad un amico
Avv. Sonia Mureddu

Corte di Giustizia Tributaria di primo grado di Reggio Emilia, Sez. 1, 17.05.2023, sentenza n. 94, relatore Marco Montanari

A cura del Mediatore Avv. Sonia Mureddu da Cagliari.
Letto 585 dal 25/10/2023

Commento:

La sig.ra (Z) ricorreva nei confronti dell'Agenzia delle Entrate Direzione Provinciale di Reggio Emilia avverso un avviso di liquidazione dell'imposta di registro ed irrogazione delle relative sanzioni in merito ad un atto pubblico rogato conseguente al (primo) accordo di mediazione tra una signora e la Azienda Sanitaria Locale per cui l'AUSL rinunciava all'eredità e la signora (X) si impegnava a donare all'AUSL Euro 40.000 a titolo di liberalità. Nel caso di specie l'unica figlia (X) della de cuius (Y) aveva chiamato in mediazione, presso l'Ordine degli Avvocati di Reggio Emilia, l'AUSL deducendo la nullità del testamento olografo per vizio del consenso, incapacità manifesta della de cuius, ed, in subordine, per lesione della quota di legittima con cui la signora (Y) nonna materna della Ricorrente (Z), aveva nominato suo erede universale il reparto di pediatria dell'ospedale Santa Maria Nuova di Reggio Emilia, successivamente confluito nell'Azienda Unità Sanitaria Locale di Reggio Emilia e attribuito la quota di 3/4 di un immobile ad uso abitativo nel Comune di Correggio.
Alla mediazione conclusa positivamente era seguiva la redazione di un Atto pubblico di rinuncia ad eredità e donazione in esecuzione accordi di mediazione. Successivamente decedeva anche la signora (X) cui succedeva l'unica figlia, la ricorrente sig.ra (Z). Costei (la Z) instaurava un nuovo procedimento di mediazione al fine di concludere il procedimento già avviato dalla madre che si concludeva positivamente, con la redazione di un altro accordo formalizzato, poi, nell'atto, oggetto del ricorso, con cui l'AUSL cedeva e trasferiva alla Ricorrente tutti i diritti ad Essa pervenuti in forza del testamento ed, in particolare, la quota di comproprietà per 3/4 dell'immobile in Correggio, dietro pagamento della somma di euro 40.000.
Le parti chiedevano la registrazione dell'atto pubblico conseguente al verbale di mediazione, in esenzione dell'Imposta di Registro ai sensi del 3°comma dell’art. 17 D.Lgs. n. 28/2010. Il primo verbale non veniva trascritto (ai pubblici registri non risultava la serie continua di trascrizioni).
Secondo la contribuente i due atti avrebbero dovuto intendersi come un unicum giuridico, i due verbali l'uno il completamento dell'altro, con conseguente diritto all'esenzione dall’imposta di registro.
A giudizio dell’Agenzia delle Entrate, viceversa, il secondo verbale di mediazione non avrebbe dovuto godere dell’esenzione considerato che l'accordo era già stato raggiunto con il primo verbale.
 
La Corte di Giustizia Tributaria di primo grado di Reggio Emilia ha accolto le tesi dell'Amministrazione finanziaria e respinto il ricorso della contribuente. Solo il primo verbale con il quale è stato trovato l’accordo gode dell’esenzione. Non possono, invece, esserlo i successivi atti che sono stati redatti solo a causa di determinati eventi come la morte dell’erede della de cuius, ma che confermano un accordo transattivo già raggiunto con il primo verbale di mediazione, che ha usufruito, in sede di registrazione, dell’esonero dal pagamento dell’imposta di registro.°
 
 
https://www.fiscooggi.it/rubrica/giurisprudenza/articolo/solo-primo-verbale-mediazione-e-esente-dallimposta-registro

Testo integrale:

Allegati:

aa
Chi è l'autore
Avv. Sonia Mureddu Mediatore Avv. Sonia Mureddu
Sono Sonia Mureddu, avvocato e mediatore civile e commerciale dal 2011. Dal 2019 sono Responsabile della sede di 101Mediatori a Cagliari, di recente apertura. Sono anche Responsabile dell'Organismo di Mediazione Forense di Nuoro dal 2013. Ho conseguito la licenza di Advanced Master Pratictioner in PNL (riconosciuta da Richard Bandler).
Sono stata relatrice e moderatrice in vari eventi sul tema della mediazione e sono formatrice accreditata presso il Ministero della Giustizia per i corsi sulla M...
continua





Per noi la tutela della privacy è una cosa seria: I dati immessi non vengono usati per scopi pubblicitari, in ottemperanza al D.lgs.196/2003

I campi contrassegnato con (*) sono obbligatori

Invia









ok