LA MEDIAZIONE OBBLIGATORIA NON SI ESTENDE AL LEASING IMMOBILIARE

Rss feed Invia ad un amico
Avv. Nicola Aldo  Solimena

Cassazione civile sez. III, 13/05/2021, (ud. 21/01/2021, dep. 13/05/2021), n.12883

A cura del Mediatore Avv. Nicola Aldo Solimena da Genova.
Letto 621 dal 27/11/2021

Commento:
Con la recente pronuncia n. 12883 del 13.5.2021, la Cassazione ha escluso l'estensione al leasing immobiliare della condizione di procedibilità di cui all'art. 5, comma 1 bis, d. Lgs n. 28/2010, che invece si riferisce ai rapporti bancari ovvero ai contratti di servizi quali quelli finanziari. 
Il caso sottoposto al vaglio della Suprema Corte trae origine dal ricorso ex art. 702, con cui una società di leasing conveniva davanti al Tribunale di Bergamo la società utilizzatrice di un capannone ad uso officina meccanica, per chiedere che venisse accertata la risoluzione di diritto del contratto, avendo l'attrice dichiarato di avvalersi della clausola risolutiva espressa, nonché per chiedere la condanna della società convenuta al rilascio dell'immobile.
Quest'ultima si costituiva in giudizio chiedendo in via principale il rigetto della domanda attorea e in via subordinata la condanna della società attrice alla restituzione delle somme corrisposte per la locazione finanziaria; preliminarmente eccepiva l'improcedibilità della domanda per non essere stato esperito il procedimento di mediazione quale condizione di procedibilità. Eccezione che veniva rigettata dal Tribunale il quale accoglieva, invece, la domanda della società di leasing e condannava la convenuta al rilascio dell’immobile, oggetto della locazione finanziaria.
La sentenza di primo grado veniva confermata dalla Corte di Appello che osservava che il leasing non era compreso nell'elenco delle materie indicate dall'art. 5 del d. Lgs n. 28 del 2010.
Ricorreva davanti alla Corte di Cassazione la società utilizzatrice che insisteva nell’eccezione preliminare di improcedibilità della domanda attorea, evidenziando che i contratti di leasing sono riconducibili alla nozione di "contratti finanziari" di cui all'art. 5, comma 1 bis, d. Lgs. n. 28 del 2010, sia per la prevalente funzione di finanziamento del contratto, sia per la natura professionale della parte concedente (banche o intermediari finanziari); riteneva, conseguentemente, la necessità di procedere con il tentativo di mediazione.
La Cassazione, con la sentenza in esame, ha ritenuto infondato il motivo e ribadito quanto affermato dagli stessi giudici di legittimità nei precedenti arresti giurisprudenziali che hanno escluso l'estensione al leasing immobiliare della condizione di procedibilità di cui all'art. 5, comma 1 bis, d. Igs. n. 28 del 2010 (cfr. Cass. Civ. 12 giugno 2018, n. 15200; Cass. Civ. 9 aprile 2019, n. 14904 e Cass. Civ. 10 ottobre 2019, n. 30520). In particolare, con l'ordinanza n. 15200 del 12 giugno 2018, la Suprema Corte aveva concluso come, nella relazione illustrativa al decreto legislativo n. 28 del 2010, istitutivo del procedimento di mediazione obbligatoria, si leggesse che “la volontà del legislatore è quella di riferirsi ai "rapporti bancari" ovvero ai "contratti di servizi" quali quelli finanziari". Nella medesima prospettiva, nella stessa relazione, si menzionano le esperienze conciliative del D.Lgs. 8 settembre 2007, n. 179, e quella del procedimento istituito in attuazione dell'art. 128 bis, del TUB (D.Lgs. 1 settembre 1993, n. 385).
E' quindi chiaro il richiamo, non altrimenti alterabile, alla disciplina dei contratti bancari contenuta nel codice civile e nel TUB, nonché alla contrattualistica involgente gli strumenti finanziari di cui al TUF (D.Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58, e succ. mod., v. in specie all'art. 1).
In definitiva, la Cassazione, conformandosi al consolidato orientamento sopra illustrato, ha ritenuto che non sia possibile estendere l'area della condizione di procedibilità di cui all'art. 5, comma 1 bis, d. Lgs. n. 28 del 2010 all'ipotesi di leasing immobiliare, anche se allo stesso sono coessenziali finalità di finanziamento specificatamente funzionali all'acquisto ovvero all'utilizzazione del bene coinvolto.
 

Testo integrale:
Cassazione civile sez. III, 13/05/2021, (ud. 21/01/2021, dep. 13/05/2021), n.12883
 

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE
 
SEZIONE TERZA CIVILE
 
Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:
 
Dott. TRAVAGLINO Giacomo – Presidente –
 
Dott. SCODITTI Enrico – rel. Consigliere –
 
Dott. FIECCONI Francesca – Consigliere –
 
Dott. SCRIMA Antonietta – Consigliere –
 
Dott. VALLE Cristiano – Consigliere –
 
ha pronunciato la seguente:
 
SENTENZA
 
sul ricorso 19166/2018 proposto da:
 
KATARSYS SRL, elettivamente domiciliato in ROMA, *********. **, presso lo studio dell’avvocato A***** A*******, che lo rappresenta e difende unitamente agli avvocati R****** V*******, F***** V********;
 
– ricorrente –
 
contro
 
UBI LEASING SPA, elettivamente domiciliato in ROMA, ********* , presso lo studio dell’avvocato F***** P*****, che lo rappresenta e difende unitamente all’avvocato F***** G*******;
 
– controricorrenti –
 
avverso la sentenza n. 701/2018 della CORTE D’APPELLO di BRESCIA, depositata il 18/04/2018;
 
udita la relazione della causa svolta nella Pubblica udienza del 21/01/2021 dal Consigliere Dott. ENRICO SCODITTI; udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.CARDINO Alberto; udito l’Avvocato.
 
 
FATTI DI CAUSA
 
1. Ubi Leasing s.p.a., premesso di avere concesso in locazione finanziaria alla società convenuta un capannone ad uso officina meccanica, convenne in giudizio innanzi al Tribunale di Bergamo, con ricorso ai sensi dell’art. 702 c.p.c., depositato in data 30 ottobre 2015, Katarsys s.r.l. chiedendo l’accertamento dell’avvenuta risoluzione di diritto, per avere l’attrice dichiarato di avvalersi della clausola risolutiva espressa, e la condanna al rilascio dell’immobile. Si costituì la parte convenuta, eccependo preliminarmente l’improcedibilità della domanda per mancato esperimento dell’obbligatorio procedimento di mediazione e chiedendo la sospensione della causa pendendo opposizione al decreto ingiuntivo, di condanna al pagamento dei canoni scaduti, notificato da Ubi Leasing s.p.a. in data 29 dicembre 2015; nel merito chiese il rigetto della domanda ed in subordine in via riconvenzionale la condanna alla restituzione delle somme corrisposte per la locazione finanziaria.
 
 
2. Il Tribunale adito accolse la domanda, condannando la convenuta al rilascio dell’immobile.
 
3. Avverso detta sentenza propose appello Katarsys s.r.l.. Si costituì la parte appellata chiedendo il rigetto dell’appello.
 
4. Con sentenza di data 18 aprile 2018 la Corte d’appello di Brescia rigettò l’appello. Osservò la corte territoriale che il leasing non era ricompreso nell’elenco di cui al D.Lgs. n. 28 del 2010, art. 5, norma di carattere eccezionale a causa dei limiti posti al diritto di agire in giudizio, e che con riferimento al procedimento di opposizione al decreto ingiuntivo, stante l’intervento della decisione di primo grado, la norma di riferimento era l’art. 337 c.p.c., ma, dato il rigetto dell’opposizione, l’appellante non aveva interesse a far valere nel presente giudizio tale decisione. Aggiunse, quanto al motivo di appello relativo alla rilevata litispendenza con riferimento alla domanda di restituzione delle somme versate dall’utilizzatrice posta in via riconvenzionale con l’opposizione al decreto ingiuntivo, che la domanda di restituzione era stata proposta nel presente giudizio per il caso di accoglimento della domanda di risoluzione, mentre nel giudizio di opposizione era stata formulata dall’opponente in relazione alla domanda di nullità, annullamento o risoluzione e che “non essendo stata contestata nei motivi di appello l’anteriorità dell’altro giudizio (su cui quindi si è formato il giudicato) deve quindi condividersi che nello specifico ricorre una fattispecie di litispendenza nei termini rilevati dal Tribunale”.
5. Ha proposto ricorso per cassazione Katarsys s.r.l. sulla base di tre motivi. Resiste con controricorso la parte intimata. E’ stata depositata memoria di parte.
 
Diritto
 
RAGIONI DELLA DECISIONE
 
1. Con il primo motivo si denuncia violazione del D.Lgs. n. 28 del 2010, art. 5, comma 1 bis, ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 4. Osserva la parte ricorrente che i contratti di leasing sono riconducibili alla nozione di “contratti finanziari” di cui al D.Lgs. n. 28 del 2010, art. 5, comma 1 bis, sia per la prevalente funzione di finanziamento del contratto, sia per la natura professionale della parte concedente (banche o intermediari finanziari), sicchè deve considerarsi obbligatorio il tentativo di mediazione
 
1.1 Il motivo è infondato. Deve darsi continuità alla giurisprudenza di questa Corte per la quale è da escludere l’estensione al leasing immobiliare della condizione di procedibilità di cui al D.Lgs. n. 28 del 2010, art. 5, comma 1 bis (Cass. 12 giugno 2018, n. 15200; 9 aprile 2019, n. 14904; 10 ottobre 2019, n. 30520). Sul punto è sufficiente richiamare la motivazione di Cass. n. 15200 del 2018: “Nella relazione illustrativa al D.Lgs. in parola si legge che la volontà del legislatore è quella di riferirsi ai “rapporti bancari” ovvero ai “contratti di servizi” quali quelli finanziari. Nella medesima prospettiva, nella stessa relazione, si menzionano le esperienze conciliative del D.Lgs. 8 settembre 2007, n. 179, e quella del procedimento istituito in attuazione dell’art. 128 bis, del Testo Unico delle leggi in materia bancaria e creditizia di cui al D.Lgs. 1 settembre 1993, n. 385. E’ quindi sufficientemente chiaro il richiamo, non altrimenti alterabile, alla disciplina dei contratti bancari contenuta nel codice civile e nel TUB, nonchè alla contrattualistica involgente gli strumenti finanziari di cui al TUF (D.Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58, e succ. mod., v. in specie all’art. 1). In questa cornice normativa, come accenna anche il pubblico ministero nella sua requisitoria scritta, non è possibile estendere l’area della condizione di procedibilità alla diversa ipotesi di leasing immobiliare anche se, nelle varie forme, allo stesso sono coessenziali finalità di finanziamento specificatamente funzionali, però, all’acquisto ovvero all’utilizzazione di quello specifico bene coinvolto”.
 
2. Con il secondo motivo si denuncia violazione e falsa applicazione degli artt. 295 e 337 c.p.c., ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 4. Osserva la parte ricorrente che nel giudizio di opposizione al decreto ingiuntivo è stata contestata la sussistenza dell’inadempimento in base al quale la società di leasing aveva ritenuto risolto il contratto ed agito per il rilascio e che l’accertamento in ordine alla sussistenza di tale inadempimento è pregiudiziale rispetto all’accoglimento della domanda di rilascio. Aggiunge che se è pur vero che, ove accolta la domanda di nullità o annullamento proposta nell’opposizione all’ingiunzione, l’immobile deve essere rilasciato, ma ciò sulla base di un titolo di rilascio diverso dall’inadempimento della conduttrice e che non è mai stata chiesta l’applicazione dell’art. 337, non avendo il ricorrente interesse ad invocare l’autorità di una sentenza sfavorevole.
 
2.1. Il motivo è inammissibile. Assorbente è il rilievo che la sospensione del processo presuppone che il rapporto di pregiudizialità tra due cause sia concreto ed attuale, nel senso che la causa ritenuta pregiudiziale deve essere tuttora pendente, non giustificandosi diversamente la sospensione, che si tradurrebbe in un inutile intralcio all’esercizio della giurisdizione, sicché, quando una sentenza sia impugnata in cassazione per non essere stato il giudizio di merito sospeso in presenza di altra causa pregiudiziale, è onere del ricorrente provare che la causa pregiudicante sia pendente e resti presumibilmente tale sino all’accoglimento del ricorso, mancando, in difetto, la prova dell’interesse concreto e attuale all’impugnazione, perché nessun giudice, di legittimità o di rinvio, può disporre la sospensione del giudizio in attesa della definizione di altra causa non più effettivamente in corso (Cass. 21 ottobre 2019, n. 26716). In violazione dell’art. 366 c.p.c., comma 1, n. 6, non risulta specificatamente indicato se la causa asseritamente pregiudicante sia pendente.
 
 
Ad ogni buon conto va rammentato che, in presenza di decisione della causa asseritamente pregiudicante, la sospensione è quella facoltativa di cui all’art. 337 c.p.c. e che quest’ultima rientra nel potere discrezionale del giudice di merito: il sindacato in sede di legittimità è limitato, oltre che alla verifica dei presupposti giuridici dell’esistenza del potere, al controllo dell’esistenza del requisito motivazionale (fra le tante da ultimo Cass. 8 luglio 2020, n. 14146). La censura non risulta formulata in tali termini.
 
3. Con il terzo motivo si denuncia violazione e falsa applicazione degli artt. 39 e 112 c.p.c., in relazione all’art. 1526 c.c., ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 4. Osserva la parte ricorrente che nel giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo la domanda di restituzione dei canoni corrisposti è stata proposta con riferimento alla domanda di nullità, annullamento o risoluzione del contratto per responsabilità del concedente, mentre nella presente causa la domanda riconvenzionale di restituzione è stata proposta ai sensi dell’art. 1526 c.c., in via subordinata per l’ipotesi di accoglimento della domanda di accertamento dell’avvenuta risoluzione di diritto proposta dalla concedente, e che pertanto, stante la diversità di causa petendi (essendo comune solo il petitum), non può esservi litispendenza. Aggiunge che risulta violato l’art. 112.
 
Il motivo è fondato. Mentre nel giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo l’utilizzatore ha proposto l’istanza di ripetizione dei canoni corrisposti in relazione alla domanda di nullità, annullabilità o risoluzione per inadempimento del concedente, nel presente giudizio la domanda di ripetizione è stata proposta quale effetto dell’accoglimento della domanda di accertamento della risoluzione di diritto ai sensi dell’art. 1456 c.c., per l’inadempimento dell’utilizzatore medesimo. Il primo petitum ha come causa petendi l’invalidità del contratto o comunque la sua risoluzione per fatto imputabile al concedente, il secondo petitum ha invece come causa petendi il diritto dell’utilizzatore, riconosciuto dall’art. 1526, per il caso di risoluzione del contratto per l’inadempimento del medesimo utilizzatore. Trattandosi di diritti di credito, essi sono eterodeterminati, possono cioè sussistere simultaneamente più volte con lo stesso contenuto fra i medesimi soggetti e sono individuati non solo dal loro contenuto, ma anche dal fatto costitutivo. Che la causa petendi del diritto di restituzione contemplato dall’art. 1526, sia diversa da quella della situazione soggettiva azionata nell’opposizione a decreto ingiuntivo, determinando così la diversità dei diritti, trova conferma nel temperamento che il diritto può subire per effetto dell’equo compenso per l’uso della cosa eventualmente dovuto al concedente. Ricorre così un’ipotesi di diritti concorrenti, aventi ad oggetto la medesima prestazione e diretti al medesimo scopo economico, ma con un diverso fatto costitutivo.
 
I diritti concorrenti costituiscono situazioni soggettive autonome, la cui particolarità è che, stante l’identità dello scopo, l’estinzione per adempimento dell’una provoca il venir meno anche dell’altra. Per il resto i due diritti sono indipendenti e possono essere oggetto di disposizione separata ed avere anche distinti termini prescrizionali. Essendo diversi i rapporti giuridici, differenti sono anche le azioni attribuite al titolare: ciascun diritto può essere fatto valere autonomamente rispetto all’altro. Ne consegue che l’esercizio di una azione in separato processo, quando sia stata già proposta l’altra, non può trovare ostacolo nell’eccezione di litispendenza.
 
Il giudice di merito, reputando sussistente una fattispecie di litispendenza, ha violato il suddetto principio di diritto, al quale dovrà invece adeguarsi in sede di rinvio.
 
P.Q.M.
 
accoglie il terzo motivo, rigettando per il resto il ricorso; cassa la sentenza in relazione al motivo accolto; rinvia alla Corte di appello di Brescia in diversa composizione, cui demanda di provvedere anche sulle spese del giudizio di legittimità.
Così deciso in Roma, il 21 gennaio 2021.
 
Depositato in Cancelleria il 13 maggio 2021
 

aa
Chi è l'autore
Avv. Nicola Aldo  Solimena Mediatore Avv. Nicola Aldo Solimena
Sono iscritto all'albo degli Avvocati del Foro di Genova dal 2008 e svolgo l'attività sia giudiziale che stragiudiziale in ambito civilistico con particolare riferimento alla responsabilità civile, professionale e medica, all'infortunistica, alla materia contrattuale ed alla materia immobiliare (amministrazioni patrimoniali e condominiali) oltre all'attività diretta al recupero crediti.

Ho deciso di intraprendere questo percorso come mediatore perché credo che la mediazione sia uno strumento ...
continua





Per noi la tutela della privacy è una cosa seria: I dati immessi non vengono usati per scopi pubblicitari, in ottemperanza al D.lgs.196/2003

I campi contrassegnato con (*) sono obbligatori

Invia