La mediazione obbligatoria non si estende alle domande nei riguardi di terzi chiamati in causa

Rss feed Invia ad un amico
Avv. Stefania Negro

Tribunale di Palermo, ordinanza 27.2.2016

A cura del Mediatore Avv. Stefania Negro da Lecce.
Letto 1306 dal 08/03/2016

Commento:

La mediazione non può estendersi alle domande spiegate nei confronti di terzi, né questi possono sollevare l’eccezione di improcedibilità per non essere stati coinvolti nella mediazione.
Con queste conclusioni il Tribunale di Palermo ha deciso sulla eccezione di improcedibilità sollevata dalla difesa del terzo chiamato in causa, che non era stato coinvolto nella procedura di mediazione già instaurata tra attore e convenuto.
Secondo il giudice, l’estensione della mediazione  - con una nuova convocazione  - nei confronti del terzo, comporterebbe l’irragionevole allungamento dei tempi processuali ed un aumento dei costi di mediazione a carico dell’attore.
Peraltro, il potere di sollevare l’eccezione di improcedibilità della domanda è attribuito dalla legge al convenuto destinatario della vocatio in ius da parte dell’attore e non a qualunque altro destinatario di una domanda giudiziale.

Testo integrale:

IL TRIBUNALE DI PALERMO
SEZIONE TERZA CIVILE
 
Il giudice dott.ssa Giovanna Nozzetti, nel procedimento ____/2014 tra
XX
E
Casa di Cura ZZ e altri
Ha promunciato la seguente
Ordinanza
Letti gli atti e sciogliendo la riserva assunta all’udienza del 23.2.2016;
- rilevato che in tale udienza la difesa del dott. B.___ terzo chiamato in causa, ha insistito nell’eccezione di improcedibilità dell’intero giudizio a motivo del mancato esperimento del procedimento di mediazione nei propri confronti, sebbene l’attore non abbia affatto esteso al terzo le domande risarcitorie proposte nei riguardi della Casa di Cura;
- considerato che l’art. 5 c. 1 bis D.Lgs. 28/210, nell’imporre il preventivo esperimento del procedimento di mediazione a chi intende esercitare in giudizio un’azione relativa ad una controversia nelle materia specificamente indicate e nel sancire che l’esperimento del procedimento di mediazione è condizione di procedibilità della domanda giudiziale___, non regola espressamente le ipotesi in cui il giudizio, dopo la proposizione della domanda giudiziale, si arricchisce di nuove domande o di nuove parti;
- rilevato che parte della dottrina e della giurisprudenza di merito, argomentando sulla base del dato letterale e delle finalità deflattiva della mediazione, ha sostenuto che l’esperimento del tentativo di mediazione costituisca condizione di procedibilità non genericamente del processo, bensì della domanda giudiziale, tal che ogni domanda (riconvenzionale, trasversale nei confronti di altro convenuto, del convenuto nei riguardi del chiamato in causa) dev’essere preceduta dallo svolgimento effettivo della fase di mediazione e l’assolvimento di detto onere rende procedibile non l’intero giudizio bensì la singola domanda;
 - rilevato che da parte degli stessi autori si è escluso che una simile opinione contrasti con il dato testuale, che indica nel convenuto il soggetto legittimato alla formulazione dell’eccezione di improcedibilità, sul rilievo che tale termine ben potrebbe riferirsi all’attore rispetto alla domanda riconvenzionale o al terzo cui l’ambito soggettivo del giudizio sia esteso ai sensi degli artt. 105 e 106 cpc e si è sostenuto che, in simili casi, la trattazione congiunta delle reciproche pretese dinanzi al mediatore piuttosto che dilatare i tempi del processo potrebbe invece favorire una soluzione conciliativa a condizione che in mediazione venga discussa non solo la nuova domanda bensì anche quella principale;
 - ritenuto tuttavia che diversi sono gli argomenti che inducono a ritenere preferibile l’opzione interpretativa contraria, per cui la mediazione obbligatoria non si estenda alle domande nei riguardi di terzi chiamati in causa;
 - premesso, infatti, che le disposizioni che prevedono condizioni di procedibilità, costituendo deroga all’esercizio di agire in giudizio dall’art. 24 Cost., non possono essere interpretate in senso estensivo (Cass.  16092/12, 967/04), non può prescindersi dalla rigorosa interpretazione del dato testuale, che prevede che l’improcedibilità sia sollevata dal convenuto, qualificazione che il codice di rito annette non al destinatario di una qualunque domanda giudiziale, bensì a colui che riceve la vocatio in jus da parte dell’attore;
- considerato, peraltro che l’evenienza di dove esperire, in tempi diversi e nell’ambito dello stesso processo, una pluralità di procedimenti di mediazione, comportando un inevitabile, sensibile allungamento dei tempi di definizione del processo, è all’evidenza difficilmente compatibile con il principio costituzionale della ragionevole durata del giudizio e con l’esigenza di evitare ogni possibile forma di abuso strumentale del processo medesimo, ciò che impone di preferire un’interpretazione costituzionalmente orientata del precetto normativo;
- ritenuto altresì che sostenere (in maniera del tutto logica e coerente con la ratio dell’istituto) che, una volta ammessa la mediazione obbligatoria anche per le domande proposte da e nei confronti dei terzi, eventualmente distinguendo la chiamata in garanzia propria da quella impropria (escludendo soltanto nella prima la necessità del preventivo esperimento del tentativo di mediazione che si sia giù svolto rispetto alla domanda principale), occorre che alla mediazione sia demandata l’intera controversia, perché solo in tal modo essa potrà essere definita in via conciliativa, equivale a gravare oltremodo la posizione dell’attore obbligato a farsi nuovamente carico del costo dell’organismo di mediazione pur avendo già invano sostenuto quelli della mediazione sulla domanda principale;
- ritenuto che, come correttamente osservato da altri giudici anche di questo Tribunale, un’interpretazione conforme alla normativa europea è anch’essa nel senso di escludere la mediazione obbligatoria rispetto alle domande proposte da e nei confronti dei terzi oltre che rispetto alle c.d. domande riconvenzionali inedite;
- rilevato, infatti, che la direttiva 2008/52/CE – costituente criterio guida della legge 69/09, richiamata persino nel preambolo del D.Lgs. 28/2010 si prefigge di garantire un miglior accesso alla giustizia promuovendo metodi alternativi di risoluzione delle controversie in materia civile e commerciale garantendo un’equilibrata relazione tra mediazione e procedimento giudiziario (art. 1); essa inoltre cerca di promuovere i diritti fondamentali e tiene conto dei principi riconosciuti in particolare dalla Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea;
- ritenuto che l’allungamento dei tempi di durata del processo – già seriamente appesantiti nelle controversie per responsabilità professionale sanitaria dai plurimi differimenti dovuti alle chiamate in causa de sanitari e dei rispettivi assicuratori – connesso al nuovo tentativo di mediazione contrasterebbe, di fatto, oltre che con l’intento deflattivo, anche con il diritto alla ragionevole durata del processo sancito dall’art. 6 della Convenzione Europea dei diritti dell’Uomo e dell’art. 47 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea;
- ritenuto che ne risulterebbe dunque sacrificata quell’equilibrata relazione tra mediazione e procedimento giudiziario che la direttiva del 21.5.08 in materia di mediazione civile e commerciale si propone invece di assicurare;
- ritenuto che, per tutte le illustrate ragioni, la ratio legis sottesa all’art. 5 D.Lgs. 28/2010 deve intendersi ragionevolmente limitata all’iniziativa processuale che dà vita ad un processo e non si estende anche ai fenomeni di ampliamento dell’ambito oggettivo del giudizio avviato;
- ritenuto, pertanto, preferibile intendere l’espressione “chi intende esercitare in giudizio un’azione” come “chi intende instaurare un giudizio”, optando per un interpretazione costituzionalmente orientata e maggiormente conforme allo spirito delle richiamate norme europee;
- ritenuto che non v’è pertanto, allo stato, ragione per ulteriore arresto del procedimento, che deve invece proseguire verso l’appendice di trattazione scritta preannunciata dalle parti;
- ritenuto che, avendone fatto richiesta, va a costoro accordato il rinvio ai sensi dell’art. 183 co. 6 cpc;
PQM
Rigetta l’eccezione di improcedibilità sollevata dalla difesa del convenuto dott. B.
Assegna alle parti i termini di cui all’art. 183 co. 6 nn. 1,2,3, cpc decorrenti dal 10.3.2016 e rinvia la causa, per l’adozione dei successivi provvedimenti, all’udienza del 23.6.2016 ore 9.45.
Palermo, 27.2.2016
Il Giudice

aa aa
Chi è l'autore
Avv. Stefania Negro Mediatore Avv. Stefania Negro
Esercito la professione di avvocato dal 1997 ed opero prevalentemente nel campo del Diritto Privato. Sono esperta di Diritto Civile (obbligazioni e contratti), Diritto Commerciale e Societario, Diritto di Famiglia e Diritto del Lavoro. Sono specializzata in Tutela del Consumatore.

Credo fermamente nella Mediazione quale strumento efficace per la tutela dei diritti del cittadino nella salvaguardia dell'esigenza fondamentale di una giustizia celere e rispettosa dei molteplici interessi in gioc...
continua





Per noi la tutela della privacy è una cosa seria: I dati immessi non vengono usati per scopi pubblicitari, in ottemperanza al D.lgs.196/2003

I campi contrassegnato con (*) sono obbligatori

Invia