Opposizione a d.i. e mancato avvio della mediazione: improcedibilità ed efficacia di giudicato del decreto secondo il Tribunale di Campobasso

Rss feed Invia ad un amico
Avv. Valeria Schiavi

Tribunale di Campobasso, sentenza 3.01.2015

A cura del Mediatore Avv. Valeria Schiavi da Frosinone.
Letto 1944 dal 29/10/2015

Commento:

Nell’ambito di un giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo concesso a seguito di mancato pagamento delle rate di un mutuo, se il giudice dispone la mediazione e la parte interessata non vi adempie, per il Tribunale di Campobasso va dichiarata la improcedibilità dell’opposizione e di conseguenza il decreto ingiuntivo acquisterà efficacia di giudicato a detrimento degli opponenti.

Testo integrale:

REPUBBLICA ITALIANA
TRIBUNALE DI CAMPOBASSO
In nome del popolo italiano
SEZIONE CIVILE

Il Tribunale di Campobasso, in composizione monocratica e nella persona del Giudice Stefano Calabria, premesso che con l’ordinanza pronunziata all’udienza del 22.4.2014 le parti erano state autorizzate al deposito di memorie per l’odierna udienza di precisazione delle conclusioni, discussione orale e decisione; considerato che, per condivisibile giurisprudenza di legittimità, nella sentenza emessa ai sensi dell’art. 281 sexies c.p.c. non è necessario “premettere le indicazioni richieste dal secondo comma dell’art.132 cod. proc. civ.” (Cassazione civile, sentenza n. 22409 del 19.10.2006); considerato peraltro che, per effetto delle modifiche apportate all’art. 132 n. 4 c.p.c. con la legge n. 69\2009, nelle sentenze civili non è più necessario riferire dello <<svolgimento del processo>>, ha pronunziato alla presente udienza del 20 maggio 2015 la seguente
SENTENZA
allegata all’odierno verbale d’udienza e resa nella controversia iscritta al numero …. del Ruolo generale affari contenziosi dell’anno 2013, avente ad oggetto “Opposizione a decreto ingiuntivo in materia di contratti bancari” e vertente tra___ nato a ____ in data____, ed ___, nata a ______ in data _____, entrambi rappresentati e difesi, in virtù di procura alle liti a margine dell’atto di citazione, dall’Avvocato ……, presso il cui studio professionale in Campobasso alla via______ sono elettivamente domiciliati
Opponenti
(…)., in persona del legale rappresentante in carica, codice fiscale n. 00348170101, rappresentata e difesa, in virtù di procura generale alle liti per notaio ___ di Verona, dall’Avvocato ____ elettivamente domiciliata in Campobasso alla via _____ presso lo studio professionale dell’Avvocato
                                                                                                                                           Opposta
RAGIONI IN FATTO E IN DIRITTO
Nel presente giudizio questo giudice emetteva in data 3.1.2015 la seguente ordinanza (qui riportata nei suoi contenuti essenziali):“Il Giudice Stefano Calabria, sciogliendo la riserva di cui al verbale dell’udienza del 9.3.2015;
Letti gli atti ed i documenti di causa;
Letto l’art. 648 cpc;
Ritenuto opportuno concedere la provvisoria esecuzione al decreto opposto in quanto, sulla base della cognizione sommaria che si impone in questa sede: a) la società opposta ha prodotto gli estratti conto; b) per quanto emerso dagli estratti conto prodotti, ma anche, dalla documentazione depositata in sede monitoria (che andrà comunque ridepositata anche nel presente giudizio di merito) i rapporti contrattuali per cui è causa sono stati stipulati dopo la modifica dell’art. 120 del d.lgs. n. 385\1993 e dopo l’entrata in vigore della delibera Cicr del 9.2.2000 ma prima dell’ulteriore modifica operata, sempre all’art. 120.2 del d.lgs. n. 385\1993, dall’art. 1.629 della legge n. 147\2013. Pertanto, in essi e per essi, l’applicazione degli interessi composti deve ritenersi ad ogni effetto lecita; c) la contestazione relativa alla natura usuraria degli interessi appare con ogni probabilità infondata in quanto la relativa valutazione va fatta sulla base del tasso iniziale e genetico (cfr. art. 1 decreto legge n. 394\2000, poi convertito nella legge n. 24\2001), il quale viene attestato come inferiore al tasso soglia anche nella c.t.p. a firma del dott. Addona. Se quindi il tasso soglia iniziale era il 10% e nel contratto è stato pattuito il 9%, è irrilevante che successivamente il tasso soglia sia sceso sotto il 9%. Del resto l’opponente, che ha formulato la relativa eccezione, non ha prodotto copia del contratto istitutivo del rapporto, impedendo ogni ulteriore e più approfondita valutazione;
Rilevato che il decreto ingiuntivo opposto contiene un errore materiale, che andrà corretto in dispositivo;
Letto l’art. 5, commi 1 bis, 2 e 4, del d.lgs. n. 28\2010, così come modificato dalla legge n. 98\2013, di conversione del decreto legge n. 69\2013, ed entrato in vigore in data 21.8.2013;
Considerato che il presente giudizio è cominciato dopo l’entrata in vigore della normaappena citata;
Che la procedura di mediazione deve essere esperita dopo i provvedimenti ex artt. 648 e 649 c.p.c. (cfr. art. 5.4 del d.lgs. n. 28\2010 e successive modifiche)
Che l’oggetto del presente giudizio attiene a contratti bancari;
Che pertanto deve essere effettuata obbligatoriamente la mediazione, prima dell’ulteriore corso del giudizio
PQM
concede la provvisoria esecuzione al decreto ingiuntivo n. 499\2013 di questo Tribunale, emesso in data  ____/2013
Letto l’art. 5 del d.lgs. n.28/2010:
dispone l’esperimento della mediazione e assegna termine alle parti di quindici giorni dalla comunicazione del presente provvedimento per depositare la domanda di mediazione dinanzi a un organismo scelto dalle parti, avuto riguardo ai criteri dell’art. 4.1 del d.lgs. 28/2010, salva la facoltà delle parti di scegliere concordemente un organismo avente sede in luogo diverso da quello indicato nell’art. 4 citato;
avverte le parti che l’esperimento del procedimento di mediazione è condizione di procedibilità della domanda giudiziale, il che (almeno ad avviso di chi scrive) significa, in un procedimento per decreto ingiuntivo (in cui l’opponente è l’attore in senso processuale), che il mancato esperimento della mediazione determinerebbe l’improcedibilità dell’opposizione e la conseguente efficacia di giudicato del decreto ingiuntivo a detrimento degli opponenti (ciò non toglie che, in assenza di pronuncia sul punto da parte della giurisprudenza di legittimità e per fugare ogni dubbio, l’istituto di credito possa avere l’interesse pratico di promuovere esso la mediazione);
rinvia per il prosieguo dinanzi a sé all’udienza del 22 aprile 2015, ore 10:00.
Si comunichi.
Campobasso,  3 gennaio 2015
Il Giudice
Stefano Calabria

aa aa
Chi è l'autore
Avv. Valeria Schiavi Mediatore Avv. Valeria Schiavi
Laureata in giurisprudenza presso l'Università di Bologna, sono iscritta all'Albo degli Avvocati di Frosinone dal 2005. Svolgo l'attività professionale nell'ambito del diritto civile. Sono convinta che la mediazione sia un effettivo strumento alternativo alle controversie giudiziali, il quale offre la possibilità alle parti di una celere ed economica definizione del conflitto.





Per noi la tutela della privacy è una cosa seria: I dati immessi non vengono usati per scopi pubblicitari, in ottemperanza al D.lgs.196/2003

I campi contrassegnato con (*) sono obbligatori

Invia