Agevolazioni fiscali previste per l’accordo di usucapione in mediazione.

Rss feed

Lo studio 156/2014 –T, del Notariato, affronta la disciplina fiscale dell’accordo di mediazione avente ad oggetto il trasferimento di un immobile a titolo di usucapione.

Letto 2910 dal 14/12/2014



agevolazioni-fiscali-previste-per-l-accordo-di-usucapione-in-mediazione-0-58.png
Secondo un recentissimo studio affrontato dal Consiglio Nazionale del Notariato (156/2014-T),  l’usucapione accertato mediante accordo in mediazione, da intendersi quale atto a titolo derivativo avente ad oggetto l’accertamento fra le parti dei presupposti previsti dalla legge per il perfezionamento dell’usucapione (cfr. studio 715/2013 C), consente di ottenere una serie di benefici fiscali, di seguito illustrati in sintesi:
 
- l’accordo è essere esente dall’imposta di registro proporzionale entro il limite di valore di 50.000 euro, scontando invece per la parte eccedente l’imposta proporzionale prevista per gli atti traslativi a titolo oneroso, nella misura minima di 1000 euro;
- l’accordo è esente dall’imposta di bollo e dovrebbe esserlo anche per la tassa ipotecaria e dai tributi speciali catastali;
- l’accordo, se si ritenesse di non accogliere la tesi secondo la quale le imposte ipotecaria e catastale sono esenti ai sensi dell’art. 17, comma 2, d.lgs. n. 28/2010, se di valore fino alla franchigia dovrebbe scontare le suddette imposte in via ordinaria in misura proporzionale. Nel caso, invece, di accordo avente valore superiore a 50.000 euro le stesse dovrebbero spettare solo nella misura fissa di 50 euro ciascuna;
- l’accordo, in caso di usucapito soggetto passivo IVA, potrebbe essere considerato rilevante agli effetti del suddetto tributo quale destinazione del bene a finalità estranee all’impresa o all’esercizio di un’arte o professione (se il bene era stato in precedenza acquistato operando la detrazione dell’imposta).

Allegati: