Effetti sulla mediazione civile dal nuovo disegno di legge collegato alla legge di Stabilità 2014, con disposizioni volte al miglioramento dell’efficienza della giustizia civile.

Rss feed

Letto 1571 dal 30/01/2014



effetti-sulla-mediazione-civile-dal-nuovo-disegno-di-legge-collegato-alla-legge-di-stabilità-2014-con-disposizioni-volte-al-miglioramento-dell.png

Il Consiglio dei Ministri ha approvato, su proposta del ministro della Giustizia, Annamaria Cancellieri, un disegno di legge delega al Governo recante “disposizioni per l’efficienza del processo civile, il riordino delle garanzie mobiliari, nonché altre disposizioni per la semplificazione e l’accelerazione del processo di esecuzione forzata”.

Tra le misure processuali oggetto di delega, spunta anche l’ipotesi di eliminare la mediazione civile in materia di sinistri stradali e responsabilità medica qualora sia proposta domanda per l’accertamento tecnico preventivo ex art.696 bis c.p.c.

La delega, all’art. 2, lett. e), recita “prevedere che nelle controversie in materia di risarcimento del danno derivante dalla circolazione di veicoli e natanti, ovvero da responsabilità medica e sanitaria, l’espletamento del procedimenti di cui all’art. 696 bis c.p.c. costituisca condizione di procedibilità della domanda introduttiva del giudizio di merito, con conseguente esonero dall’obbligo di esperire il processo di mediazione a norma dell’art. 5 del d.lgs. 28/2010”.

Una norma che non potrà non avere ripercussioni sull’istituto della mediazione civile da alcuni mesi nuovamente obbligatoria