La trascrizione dell’accordo raggiunto in mediazione e avente ad oggetto il trasferimento di immobili per usucapione, deve essere autenticato dal notaio.

Rss feed

Letto 1495 dal 05/12/2014



la-trascrizione-dell-accordo-raggiunto-in-mediazione-e-avente-ad-oggetto-il-trasferimento-di-immobili-per-usucapione-deve-essere-autenticato-dal.jpg
In una recente nota comunicata al Presidente del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Tivoli, il Conservatore di Tivoli prende posizione sui presupposti formali richiesti per la trascrizione dell’accordo raggiunto in mediazione e avente ad oggetto il trasferimento di immobili per usucapione.
In particolare, secondo il Conservatore, l’articolo 11 comma 3 del D.Lgs. 28/2010, prevede che “…se con l’accordo le parti concludono uno dei contratti o compiono uno degli atti previsti dall’articolo 2643 c.c., per procedere alla trascrizione dello stesso la sottoscrizione del processo verbale deve essere autenticata da un pubblico ufficiale a ciò autorizzato..”.
Poiché la norma parla espressamente di pubblico ufficiale autorizzato e poiché trattasi di atti aventi natura negoziale, la relativa sottoscrizione non può essere autenticata dal Cancelliere, il quale, si sensi del DPR 445/2000, può autenticare esclusivamente istanze o dichiarazioni sostitutive di atti di notorietà, ma esclusivamente dal pubblico ufficiale a ciò autorizzato, intendendosi per tale i notai, segretari comunali nelle loro qualità di uffici roganti e gli altri uffici demaniali roganti.

Allegati: