“Modello Fiorentino”: oltre 39 % delle mediazioni svolte effettivamente si chiudono con accordo.

Rss feed

Letto 1724 dal 06/12/2014



modello-fiorentino-oltre-39-delle-mediazioni-svolte-effettivamente-si-chiudono-con-accordo-0-51.jpg
A distanza di circa un mese dalla pubblicazione delle statistiche sulla mediazione civile elaborate dal Ministero della Giustizia, un altro quadro incoraggiante emerge dalle rilevazioni fornite dal “modello fiorentino”, un progetto di studio sperimentale sulla mediazione civile che ha visto la collaborazione tra l'Università fiorentina e il Tribunale civile di Firenze.
La sperimentazione, durata un anno (giugno 2013/giugno 2014) e basata esclusivamente sulla mediazione delegata, fornisce un quadro netto e chiaro sulla necessaria adozione del principio di effettività nella mediazione.
L’opera di rilevazione, partita attraverso un’attività di selezione dei fascicoli “mediabili” effettuata dai vari giudici che hanno partecipato al progetto, è stata effettuata su un campione di 2.753 fascicoli, di cui 1.122 sono stati quelli valutati potenzialmente mediabili.
Di questi ultimi, sono state 507 le ordinanze  di invio in mediazione e su disposizione di queste, 421 le domande depositate e 86 quelle non depositate.
La complessiva tracciabilità dell’iter conciliativo, dal deposito della domanda di mediazione sino all’accordo e/o rientro presso lo stesso ufficio giudiziario, ha permesso di seguire l’intero percorso stragiudiziale e di ottenere informazioni rilevanti sull’efficacia della mediazione.
All’esito dell’anno di sperimentazione, tra i procedimenti effettivamente svolti (164 liti)  è emerso che sono stati raggiunti ben 64 accordi: statisticamente, significa che la mediazione effettivamente svolta si conclude con un accordo nel 39% dei casi.
I numeri, rilevanti, rappresentano la costatazione che il principio di effettività della mediazione, da tempo sostenuto da un costante orientamento giurisprudenziale di merito, è l’interpretazione più conforme alla ratio del legislatore della mediazione.