Pubblicate le statistiche dell’anno 2022 INTERO PERIODO 1 GENNAIO – 31 DICEMBRE

Rss feed

Nell'anno 2022 la percentuale di comparizione della parte convocata in mediazione è pari al 51,8% e nel 28,9% dei casi viene raggiunto l’accordo

Letto 846 dal 21/04/2023



pubblicate-le-statistiche-dell-anno-2022-intero-periodo-1-gennaio-31-dicembre-1256-54.jpg Nel 2002 sono state depositate 226.607 domande di mediazione (dato inferiore all’anno 2021 in cui erano 267.270) di cui 71.485 riguardano gli organismi cd outlier vale a dire in cui tutte le iscrizioni riguardano la materia dei contratti assicurativi e il 99% dei procedimenti si concludono con la mancata comparizione dell’aderente.  Nell’anno 2022, le iscrizioni nella materia assicurativa sono diminuite di circa il 27%
Il confronto delle iscrizioni e delle definizioni dell’anno 2022 con quelle del 2021 evidenzia un decremento di circa il 7% per le iscrizioni e di circa il 11% per le definizioni. Il decremento è probabilmente imputabile ad una ripresa, nel 2021, dell’attività giudiziaria post pandemia che ha determinato un recupero, seppur parziale, delle iscrizioni e delle definizioni non effettuate nel corso del 2020. Se si confrontano le iscrizioni dell’anno 2022 con quelle del 2019 si evidenzia un incremento del 5%, mentre per le definizioni si rileva un decremento di circa il 3%, ciò vuol dire che le iscrizioni sono in crescita e non si è riusciti a fronteggiare le numerose iscrizioni post pandemia pervenute nel 2021.
Le iscrizioni collegate ad inadempienti legati al COVID sono state 4.449, pari al 3% del totale.
Nell'anno 2022 la percentuale di comparizione della parte convocata in mediazione è pari al 51,8% e nel 28,9% dei casi viene raggiunto l’accordo. La materia in cui maggiormente le parti aderiscono è patti di famiglia, seguita da successioni e divisioni ereditarie, diritti reali. Sono in aumento le adesioni per i contratti bancari. Nel 2022 si assiste ad un tendenziale incremento di accordo raggiunto.
Se guardiamo all’esito per procedimenti definiti, il 71% verte su materie in cui la mediazione è obbligatoria. Si può constatare un leggero aumento della mediazione demandata in materie non obbligatorie (dal 6 al 7%).