Si avanza a grandi passi verso la riforma degli strumenti di risoluzione alternativa delle controversie: approvato lo schema di decreto legislativo denominato A.G. 407

Rss feed

Due importanti e corposi dossiers degli uffici studi di Camera e Senato sulla Riforma del processo civile e revisione della disciplina degli strumenti di risoluzione alternativa delle controversie

Letto 275 dal 29/09/2022



due-importanti-e-corposi-dossiers-degli-uffici-studi-di-camera-e-senato-sulla-riforma-del-processo-civile-e-revisione-della-disciplina-degli-strumenti.jpg Sono stati pubblicati nel mese di settembre 2022 due dossiers a cura, rispettivamente, del Servizio bilancio dello Stato della Camera e dal Servizio studi dell’Ufficio ricerche su questioni istituzionali, giustizia e cultura del Senato.

Tali documenti sono consultabili agli indirizzi internet
 
http://documenti.camera.it/leg18/dossier/pdf/gi0215.pdf?_1664473850424
e
http://documenti.camera.it/leg18/dossier/pdf/VQAG407.pdf
 
e consentono un’analisi approfondita dell’imminente riforma.

Con la trasmissione alle Camere, il 2 agosto 2022, dello schema di decreto legislativo A.G. 407, il Governo esercita la delega per la riforma del processo civile e la revisione della disciplina degli strumenti di risoluzione alternativa delle controversie, che il Parlamento gli ha conferito con l’approvazione della legge n. 206 del 2021 (Delega al Governo per l'efficienza del processo civile e per la revisione della disciplina degli strumenti di risoluzione alternativa delle controversie e misure urgenti di razionalizzazione dei procedimenti in materia di diritti delle persone e delle famiglie nonché in materia di esecuzione forzata).

La delega è entrata in vigore il 24 dicembre 2021 e deve essere esercitata entro un anno (24 dicembre 2022). L’emanazione dei decreti delegati di riforma del processo civile entro la fine del 2022 è peraltro anche un traguardo da raggiungere per accedere ai finanziamenti previsti dall’Unione europea nell’ambito del Piano nazionale di Ripresa e Resilienza.

Il 28 settembre 2022 Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro della giustizia Marta Cartabia, ha approvato, in esame definitivo, tre decreti legislativi di attuazione della riforma della giustizia civile e penale e dell’ufficio per il processo. I testi tengono conto dei pareri espressi dalle competenti Commissioni parlamentari.