Revoca del decreto ingiuntivo se la mediazione viene svolta in presenza di avvocati delegati sprovvisti di potere di rappresentanza sostanziale

Rss feed Invia ad un amico
Avv. Carlotta  Calabresi

Tribunale di Milano sezione XIV Civile, 4 ottobre 2021 n. 7980, Estensore Carnì

A cura del Mediatore Avv. Carlotta Calabresi da Roma.
Letto 734 dal 07/10/2021

Commento:
Il caso ha ad oggetto la materia bancaria: veniva opposto un decreto ingiuntivo con cui veniva ingiunto il pagamento di una somma importante in forza di fideiussione rilasciata a garanzia delle obbligazioni derivanti dal rapporto di conto corrente bancario e mutuo fondiario tra una società e la Banca. La Banca si costituiva in giudizio e un altro soggetto – presumibilmente la cessionaria del credito – spiegava intervento volontario ex art. 105 cpc.
All’udienza, con ordinanza, il giudice assegnava termine per l’esperimento del tentativo di mediazione e invitava le parti a depositare il verbale di mediazione e le procure rilasciate ai soggetti intervenuti.
 
All’incontro di mediazione nessuno è presente per l’opponente (convenuto sostanziale) mentre per l’opposto (attore sostanziale) presenziano due avvocati: uno nominato da un rappresentante della mandataria della Banca e l’altro delegato da un collega a sua volta nominato da un rappresentante della mandataria.
 
Il Tribunale di Milano riassume e sintetizza l’intervento chiarificatore della Suprema Corte con la sentenza n. 8473/2019 secondo cui il legislatore ha “previsto e voluto la comparizione personale delle parti dinanzi al mediatore, perché solo nel dialogo informale diretto tra le parti e il mediatore conta che si possa trovare quella composizione degli opposti interessi satisfattiva al punto da evitare la controversia ed essere più vantaggioso per entrambe le parti”. La comparizione personale delle parti è tuttavia attività delegabile in quanto non vi è un divieto in tal senso né si tratta di un atto di natura strettamente personale. Pertanto la parte può delegare un terzo a partecipare in sua vece all’attività di mediazione conferendo tale potere mediante una procura avente lo specifico oggetto della partecipazione alla mediazione e il conferimento del potere di disporre dei diritti sostanziali che ne sono oggetto. Il rappresentante deve essere a conoscenza dei fatti e fornito dei poteri per la soluzione della controversia.
Tale potere non può essere conferito con la procura al difensore da lui stesso autenticata (cd: procura alle liti) pertanto la procura speciale non può essere autenticata dal difensore.
La legge non può conferire il potere di farsi sostituire dal difensore con la procura conferita allo stesso e da questi autenticata. La procura rilasciata allo scopo non può essere autenticata dal difensore perché il conferimento del potere di partecipare in sua sostituzione alla mediazione non fa parte dei possibili contenuti della procura alle liti autenticabili direttamente dal difensore.
 
Sulla base di tali principi, nel caso di specie il Tribunale di Milano ha ritenuto il primo avvocato dell’opposto non titolare di idonea procura bensì di una semplice “delega” attribuitagli dalla mandataria legittimata con procura notarile a conferire procure speciali a terzi. Tale delega non è autenticata da notaio.
 
Anche il secondo avvocato non viene ritenuto titolare di procura idonea a conferire la rappresentanza sostanziale dell’opposta in quanto – anch’esso - delegato con scrittura privata da un collega (il terzo avvocato o forse il primo) autenticata dallo stesso. L’avvocato delegante (il terzo avvocato che potrebbe anche essere il primo) aveva a sua volta procura speciale non notarile da un procuratore della mandataria e autenticata da lui stesso.
  
Per poter comprendere la portata di tale interpretazione restrittiva bisognerebbe vedere come sono state redatte tali “deleghe” in quanto non vengono trascritte nella sentenza (come invece fa Trib Perugia II sezione civile, sentenza 25 marzo 2021 n. 50, in https://www.101mediatori.it/sentenze-mediazione/la-procura-speciale-sostanziale-conferita-al-difensore-fa-si-che-la-mediazione-sia-considerata-ritualmente-esperita-996.aspx).
 
La conseguenza di questa interpretazione è molto rilevante: l’opposto attore sostanziale (la Banca qui rappresentata da una mandataria) – che ha interesse al compimento della condizione di procedibilità – si vede dichiarare l’improcedibilità della domanda con susseguente revoca del decreto ingiuntivo nei confronti degli opponenti. Le spese vengono compensate.
 
 

Testo integrale:

aa
Chi è l'autore
Avv. Carlotta  Calabresi Mediatore Avv. Carlotta Calabresi
Sono giurista e mi interesso di diritto privato comparato che insegno all'Università Luiss in quanto titolare di contratto di ricerca. Nella mia vita professionale mi sono occupata di arbitrati e risoluzione alternativa di controversie. Ho lavorato in diversi studi legali e sono stata iscritta all'Albo degli Avvocati di Roma. Mi occupo anche di traduzioni legali dall'inglese e dal francese perché avendo vissuto e studiato all'estero amo molto le lingue. Adoro il lavoro di mediatore perché conson...
continua





Per noi la tutela della privacy è una cosa seria: I dati immessi non vengono usati per scopi pubblicitari, in ottemperanza al D.lgs.196/2003

I campi contrassegnato con (*) sono obbligatori

Invia









ok