Se le parti raggiungono l’accordo conciliativo in materia di locazione, il giudice ritiene preclusa la possibilità di proseguire l’azione di risoluzione per inadempimento contrattuale e dichiara cessata la materia del contendere.

Rss feed Invia ad un amico
Avv. Simona  Guido

Tribunale di Ravenna, Sez. civile, 7.02.2022, sentenza n. 68, giudice Baronio

A cura del Mediatore Avv. Simona Guido da Lecce.
Letto 185 dal 23/04/2022

Commento:
Se le parti raggiungono l’accordo conciliativo in materia di locazione, il giudice ritiene preclusa la possibilità di proseguire l’azione di risoluzione per inadempimento contrattuale e dichiara cessata la materia del contendere.
Il caso di specie è relativo ad un giudizio di opposizione ad un procedimento di sfratto per morosità nel corso del quale le parti, rimesse in mediazione, avevano raggiunto, assistite dai propri difensori, un accordo conciliativo per l’integrale definizione della controversia che prevedeva il rilascio dell’immobile e un pagamento rateizzato a saldo e stralcio della morosità e degli oneri condominiali e l’abbandono dei giudizi. Pur avendo depositato in giudizio il verbale di conciliazione, la parte attrice insisteva comunque nella domanda introduttiva di risoluzione del contratto per inadempimento. Tale domanda viene rigettata.
In tema di mediazione obbligatoria, il verbale di conciliazione, redatto con l’assistenza dei rispettivi difensori ex art. 12 del D.lgs. n. 28 del 2010, ha piena efficacia esecutiva (cita Trib. Bari 07/09/2016 - Trib. Firenze 02/07/2015) e cristallizza la volontà conciliativa delle parti. Ne consegue che con la sottoscrizione del predetto verbale ai sensi dell’art. 11 del D.lgs. n. 28 del 2010 cessa anche la sovrastante vertenza giudiziale poiché le parti hanno scelto una composizione concordata della lite così realizzando quello scopo deflattivo voluto e perseguito dalla mediazione obbligatoria. Se così non avesse fatto si avrebbe una inammissibile duplicazione di un titolo esecutivo già esistente
 

Testo integrale:

aa
Chi è l'autore
Avv. Simona  Guido Mediatore Avv. Simona Guido
Mi sono laureata presso l’Università di Bologna nel 1993; sono avvocato dal 1996, abilitata al patrocinio presso Cassazione e Corti Superiori; sono Mediatore Familiare dal 2011. Mi sono sempre occupata della formazione degli avvocati mediante l’organizzazione di corsi per la Formazione continua fin dal 2019 per conto di AFL (Associazione Forense Lecce), della quale mi sono pregiata di esserne Segretario generale dal 2015 al 2019 e di seguito in qualità di Consigliere dell'Ordine Avvocati Lecce,...
continua





Per noi la tutela della privacy è una cosa seria: I dati immessi non vengono usati per scopi pubblicitari, in ottemperanza al D.lgs.196/2003

I campi contrassegnato con (*) sono obbligatori

Invia









ok